Un’insolita Venezia nel periodo del COVID-19

Pochi turisti, calli e campielli quasi deserti